Gabriella Mustone Make-Up Artist – Roma

  • Chi è Mustone Gabriella?

Sono una  Makeup Artist e Hairstylist freelance,   non amo molto parlare di me per carattere, ma cercherò di farlo. Sono una ragazza determinata, curiosa e vivace. 

Cerco di affrontare ogni nuova sfida con molta positività e creatività. Sono una ragazza che ama osservare e ascoltare; credo che sia fondamentale nella vita e nel lavoro potersi lasciar ispirare dagli altri e permettere loro di trasmetterci le giuste emozioni e nozioni, là dove noi abbiamo ancora molto da imparare. 

Amo viaggiare, il mio lavoro mi permette di farlo e lo trovo estremamente stimolante, amo le sfide con me stessa e odio tirarmi indietro, è più divertente scendere in campo e giocare. 

  • Soprannome?

Tanti anni fa mi iscrissi sul social Instagram e per gioco misi il nickname “ellas” da quel momento per i miei amici sono ellas e non più Gabriella.
Anche se in realtà il semplice “Gabri” mi piace molto. 

  • Dove vivi, Quanti anni hai? Cosa fai?

Vivo a Roma, ho 22 anni e lavoro nel mondo del beauty. 

  • Come definiresti il tuo stile ? (lavorativamente parlando)

Nella vita e nel lavoro sono una persona molto pratica e semplice, ricerco l’eleganza e lo stile ma senza mai eccedere nella normale routine. Di tanto in tanto amo comunque sperimentare e osare, spingermi oltre la comfort zone e uscire fuori dal personaggio classico che magari posso ricoprire in determinati set o con determinate clienti. 
Credo che il mio stile possa quindi definirsi camaleontico. 

Non amo impormi uno stile ben preciso, dipende molto dal set, dalla richiesta, dalla creatività che si può mettere in gioco, da innumerevoli fattori.. l’unica cosa che mi impongo sempre è quella di mettermi sempre alla prova.

  • Raccontaci il tuo rapporto con i social.

Da un anno ho aperto il mio secondo profilo Instagram, dove ricevo tutte le richieste di lavoro, pubblico i miei lavori e dove parlo esclusivamente del mio mondo; dalla skincare, ai consigli beauty, alla condivisione di contenuti legati al makeup e all’hair. 

Mi piace e diverte creare contenuti nuovi per chi mi segue, inizialmente ero un po’ impacciata nella gestione, ma con il tempo ho imparato a organizzare da sola ogni singolo aspetto e penso e spero che con il tempo potrò solo che migliorare. 

  • Il tuo punto di riferimento nel lavoro? 

Nel mondo Beauty, seppur ogni truccatore abbia il proprio stile, non ho forti ispirazioni perché è un campo in cui spesso gli spunti e la fantasia devono per forza lasciare spazio a tecnica, conoscenze, nozioni, abilità correttive e standardizzazioni. Nonostante questo, però, seguo, m’interesso e conosco i nomi dei truccatori della maggior parte delle celebrità italiane e internazionali.

Nel mondo del Fashion invece, in un certo senso più libero e meno accademico, ricco di creatività e originalità, anche se non di certo privo di tecnica, ho molte ispirazioni, tra cui Pat McGrath, Lucia Pica, direttrice creativa di Chanel Beauty, Peter Philips, direttore creativo di Dior Make-up, e molti altri.

  • Il tuo punto di riferimento nella vita?

Il mio punto di riferimento nella vita non possono che non essere i miei genitori. Sono stati e sono tutt’ora per me il punto di partenza, il trampolino di lancio, la critica costruttiva che fingi di non ascoltare. 

Mio papà mi ha insegnato il pragmatismo, la voglia di ottenere ciò che si vuole senza sentirsi in difetto per desiderare cose grandi..
Insieme mi hanno insegnato a prendermi cura delle mie paure per poi lasciarle andare via. Non potrei desiderare punto di riferimento migliore nella mia vita.

  • Con chi sogni di realizzare un set?

Diciamo che io venero tra i tanti citati prima, anche James Molloy, Makeup Artist e co-founder di my kit co. Se vi capita, vi consiglio vivamente di andare a dare un’occhiata alla sua pagina Instagram. 

Amo il suo stile, la sua precisione, la sua creatività. I contenuti che crea mi affascinano e ispirano. Sarebbe un sogno capitare su un set con lui. 

  • I tuoi brand professionali di riferimento? 

Amo testare qualsiasi tipo di brand, proprio per conoscerne la validità e l’efficienza per poterlo eventualmente aggiungere al mio kit. Al momento il mio brand di riferimento per la skincare è kiehl’s, io ho una pelle molto sensibile e mi trovo molto bene con l’utilizzo di qualsiasi prodotto, anche sulle mie clienti ho notato sin da subito notevoli benefici.

Prediligo soprattutto il contorno occhi all’avocado, attenua il gonfiore sotto gli occhi e lascia una profonda idratazione. 

Utilizzo anche Origins, Mario Badescu, Avene, Clarins, Yves Saint Laurent, The Ordinary, Laneige, Dior, Elizabeth Arden, Tom Ford, Bobby Brown, Mac, Charlotte Tilbury e molti altri. 

  • Che rapporto hai con la moda? Hai dei brand preferiti? 

La moda influisce in maniera totalizzante nel mondo del makeup e del beauty, il mio rapporto con essa va a braccetto con la mia passione per il mio lavoro. È fondamentale per me rimanere aggiornata su tutte le novità e su tutto ciò che passa dalla sfilate alle riviste e arriva sul mercato. 

Bisognare tenere sempre d’occhio i trend e tutto ciò che viene proposto nelle nuove campagne, e tramite i diversi stili che ogni giorno ci passano davanti. 
La definizione della moda non può racchiudersi in una semplice frase, la moda è tutto, in costante evoluzione, ogni giorno, ogni minuto e non possiamo ignorarla. 
I miei brand preferiti al momento sono The Attico, Jil Sander, Off-white, Fendi (nell’ultima sfilata con il direttore creativo Kim Jones mi ha conquistata) con makeup a cura di : Peter Philips ; hair a cura di : Sam McKnight

Ma anche Christian Dior,  Ambush, Area, Alexandre Vauthier, Azzaro, Schiaparelli… ve l’ho detto, sono camaleontica.

  • Qual è il tuo sogno nel cassetto?

Da sempre punto al massimo, non sono mai riuscita ad accontentarmi, il mio sogno nel cassetto è quello di non fermarmi all’Italia, mi piacerebbe poter lavorare anche all’estero e poter arrivare a più persone possibili con la mia professionalità, passione, dedizione e con l’amore per questo lavoro. 

  • Un augurio per il futuro?

Mi auguro e ci auguro di riuscire a superare questo momento difficile che noi tutti stiamo vivendo e di poter tornare a fare ciò che desideriamo nel massimo della libertà e autonomia, come lo era un tempo. 
Tutto il resto verrà da sè. 

LANGUAGE

CHOOSE