Parigi Fashion Week: dalle star ai nuovi trend

Sta volgendo al termine anche la meravigliosa settimana della moda parigina (martedì 28 settembre-mercoledì 6 ottobre). Anche se a breve si spegneranno i riflettori su quella che viene definita la capitale del fashion, c’è ancora grande fermento intorno alle passarelle e i party più esclusivi sembrano non voler finire.

Tutti sembrano essersi lasciati alle spalle le sfilate viste solo tramite uno schermo: finalmente si è tornati ad assistere agli show in presenza quindi, mentre i grandi brand erano intenti ad organizzare gli eventi glamour, le star e gli influencer erano impegnati a scegliere il vestito migliore da sfoggiare.

Chiara Ferragni, ad esempio, si è presentata nella Ville Lumière sfoggiando un top di chiffon nero della maison francese Schiaparelli. Un particolare non trascurabile è sicuramente la completa trasparenza della maglia che presenta soltanto una coppia di copri capezzoli in oro giallo. La foto pubblicata dall’imprenditrice digitale italiana su Instagram ha scatenato migliaia di reaction in poco tempo e ha rubato la scena alle top model internazionali.

Chiara Ferragni

Alt, forse con questa frase abbiamo esagerato.

Difficile rubare la scena a Beyoncé che con la sua voce ha aperto lo spettacolo di Balmain, durato per ben due giorni, all’insegna della moda e della musica. La cantante statunitense però non è stata l’unica super star ospite del brand parigino: Naomi Campbell ha aperto il secondo show e Carla Bruni ha sfilato con un abito ricoperto di perle e ricami floreali.

In casa Versace hanno dato il meglio di loro stesse Dua Lipa, Emily Ratajkowski, Gigi Hadid e Irina Shayk.

Balenciaga ha deciso di stupire tutti scegliendo la protagonista della sua campagna primavera-estate 2022 da un cartone animato molto famoso: Marge de “The Simpsons”. Nell’episodio “Balenciaga X The Simpsons”, i personaggi del cartoon si trasferiscono a Parigi per poi finire in passerella.  

Kate Moss, invece, non ha sfilato in prima persona ma ha presentato la sua collezione d’alta gioielleria in collaborazione con Messika, scrivendo un nuovo capitolo per quanto riguarda il mondo degli accessori. I migliori maestri orafi e tagliatori di diamanti, quindi, si sono uniti per dar vita ad uno stile che riprenda quello di una delle icone leggendarie anni ’90 e 2000. In compenso, presente allo show c’era la rapper americana Cardi B. 

Le passerelle hanno portato alla luce anche nuove promesse della moda, come Divine Nwaokogba presentata da Prada e Naomi Ekindi da Dior. Colei che ha fatto più scalpore però, è stata sicuramente la figlia dello storico fondatore di Apple, Eve Jobs: a soli 23 anni la ragazza ha sfilato per Coperni.

Eve Jobs

Dunque, quali sono le tendenze per la prossima primavera-estate?

Stella McCartney ripropone la sua inclinazione verso le ciabatte “brutte ma comode”. Le “ugly shoes” in questione presentano dunque zeppe e plateau per dare priorità al comfort. Come per il 63% della collezione di McCartney, anche in questo caso sono stati utilizzati tessuti sostenibili e materiali eco-compatibili come: mylo, poliestere riciclato, nylon rigenerato, ecc. Il tutto viene minuziosamente spiegato nella ECO FACT SHEET del brand.

Anche Valentino rispolvera i look passati, riprendendoli proprio dall’archivio di Pierpaolo Piccioli, il fondatore del marchio. Tornano la stampa floreale, le piume e il total white. I colori pastello non vengono però messi da parte, anzi, trovano abbinamenti audaci: l’eleganza del rosso, ad esempio, è accostata ai pesanti stivali neri con para.

Non è da meno Maria Grazia Chiuri, direttrice creativa di DIOR, che per la nuova collezione si rifà agli anni ‘60. La pandemia ha cambiato il modo di vivere, di relazionarsi e di vestirsi: si è assistito dunque ad una rivoluzione, proprio com’è avvenuto in passato, a partire proprio dal 1960. I must-have per la bella stagione 2022 sono quindi: mini dress bicolor, ad A o con scollo a V, abiti svasati, completi blazer-minigonna, vestiti con le frange.

Per Versace il foulard è diventato un elemento fondamentale per completare il l’outfit: “è un modo di aggiungere un tocco Versace ad ogni look” dichiara Donatella, che aggiunge “è stato indossato in molteplici modi dai top annodati alle bandane, fino a diventare accessorio per le borse […] il foulard ha caratterizzato le nostre collezioni fin dagli inizi, ma per questa stagione tutto si capovolge, non è più solo un accessorio ma diventa provocante, sexy, audace.” Anche il total black, il rosa shocking e le camice oversize sono ciò che ha caratterizzato la collezione.

Saint Laurent sfila sotto la Tour Eiffel con proposte contrastanti tra loro: vestiti con profonde scollature e spalle larghe, abiti tagliati in tessuti maschili, scarpe con grandi platform, sensuali décolleté, turbanti e bijoux esagerati. Per questa collezione è stata ripresa la scala di colori accesi che tanto amava Paloma Picasso nel 1987, soprattutto il rosso.

Articolo di Rebecca Nisi.