Lezioni di make-up online, si o no?

La community della formazione si è divisa nettamente in due su questo argomento. Ma scopriamo insieme i pro e i contro!

E’ arrivata la famosa “seconda ondata”, e noi make-up artist ancora una volta, abbiamo riposto i nostri amati pennelli per l’avvento del nuovo “pseudo lockdown”.

Anche le accademie di formazione, messe alla pari dei miglior centri estetici, hanno subìto l’ennesimo STOP!

I mille sforzi non sono bastati nonostante le stesse accademie non si siano limitate all’acquisto del miglior termometro ad infrarossi o del dispenser igienizzante mani, ma abbiano creato dei veri e propri percorsi di sanificazione.

Questo perché la figura del make-up artist ha da sempre come regola numero 1  “L’igiene del KIT, e della Postazione“.

Figuriamoci ora con un virus in circolazione!

Dopo questa breve premessa, arriviamo al dunque. 

Tanti make-up artists così come i formatori, si sono ritrovati smarriti, privati del loro essere, pertanto hanno ben pensato di tramutare i loro canali social in un webinar: nuovi programmi, nuove skills con tanto di attestato a corso ultimato.

Ovviamente c’è chi ha giocato d’anticipo creando sulle proprie piattaforme online delle singole video lezioni, tra le quali è possibile acquistare l’argomento che più si vuole approfondire; oppure, c’è chi invece preso da un forte spirito di condivisione ha dato il via ad una sorta di “Orientamento del make-up” tramite il quale, un team composto da una decina di truccatori, in un canale a circuito chiuso, mostreranno ai loro allievi o futuri, le loro tecniche che se vorranno, potranno poi approfondire nelle loro accademie o nelle loro Masterclass.

Interessante vero?!

Sicuramente sì! Il nostro è un mondo fatto di colori, di condivisione e passione, ma soprattutto di tanta formazione, e questo per molti potrebbe essere l’occasione di fare qualche ripasso oppure di conoscere le perfomances di nuovi prodotti, o per i più intuitivi, apprendere effettivamente i segreti di una nuova tecnica.

Gioia quindi per tutti gli appassionati, per madri che non hanno il problema di dover lasciare i propri figli, o per chi invece lavora in full-time che potrà così decidere in totale tranquillità il giorno e l’ora in cui guardare la lezione, si potranno rivedere in slow motion i passaggi più delicati e addirittura ricevere correzioni via whatsapp sulle esercitazioni da casa.

E i costi? Beh queste lezioni on line hanno un costo nettamente inferiore rispetto a quello che bisogna sostenere per partecipare a delle Masterclass, ancor di più rispetto a corsi medio-lunghi, i cosiddetti base, avanzati ecc. ecc.

“Ed è qui che la forbice taglia il filo che unisce la nostra community “

Questo perché a differenza della questione burocratica, il mondo della formazione viaggia ad una giusta considerazione, e chi ha inseguito o insegue questa carriera sa benissimo che i primi anni si basano su notevoli investimenti.

Pertanto rilasciare attestati sulla base di video lezioni a costi irrisori, per alcuni è una vera è propria svalutazione, per altri non fa altro che alimentare confusione persino false speranze perché di certo, non si diventa Make up Artist con dei corsi ONLINE.

I costi di una formazione in accademia non derivano solo dall’occupazione della struttura e dal kit, ma ha tanto altro dietro le quinte. L’accademia è un percorso formativo a 360°, le preoccupazioni vengono spazzate via in un battito di ciglia, lasciando libero spazio all’adrenalina mista alla curiosità.

Nulla viene lasciato al caso: lo studio dei colori, le dispense sulla teoria, e poi arriva la tecnica, sostenuta da tanta, tantissima pratica, nella quale veniamo seguiti in tempo reale, dove un movimento sbagliato viene corretto con mano, proprio come si aiuta i bambini a scrivere. Ecco perché credo che: “in accademia, ognuno coltiva il suo orticello dei sogni “

Ammetto con franchezza che a prescindere, apprezzo vivamente chi riesce sempre a reinventarsi, ma in questo caso, bisognerebbe capire quanto, a fronte di un costo seppur minimo, resti di realmente formativo all’allievo digitale, il quale diversamente, dovrà sintetizzare il tutto come un acquisto sbagliato.

Articolo di Amelia Vastarella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *